Homepage / Blog / Come scrivere un racconto: la guida completa in 9 passaggi
Correttore di bozze - Esperta di testi - Traduttrice - Correttore di bozze - Esperta di testi - Traduttrice -

Come scrivere un racconto: la guida completa in 9 passaggi

È difficile scrivere un romanzo a causa delle dimensioni, ma scrivere un racconto richiede la perfezione.

 

Qualsiasi piccolo errore in un racconto si ingrandisce in proporzioni gigantesche.

 

Se un personaggio minore non riesce a prendere vita in un romanzo, puoi perdonare l'errore perché ci sono così tante altre cose da apprezzare, ma se un personaggio minore non decolla in un racconto, un lettore si infastidirà e il direttore di una rivista letteraria lo getterà via.

 

In una storia breve, lo scrittore deve fare un grande lavoro- dettagli, ambientazioni, conflitti, trama, sviluppo del personaggio - in uno spazio molto piccolo, di solito tra le 3.000 e le 6.000 parole, e ciò richiede concisione e revisione. Leggi questi suggerimenti per scrivere un racconto che sarà pubblicato, che i lettori ameranno, e che otterrà l’attenzione di un agente letterario.

 

  1. Inizia con un'idea

Il primo passo per scrivere un racconto è avere un'idea.

scrivere un racconto

  

Puoi trarre ispirazione dagli eventi della vita reale, indipendentemente dal fatto che siano capitati, da un nonno che ti ha raccontato una storia, o anche dalla combinazione di piccoli eventi sentiti di qua e di là.

 

  1. Scegli un punto di vista

 

Il tuo personaggio sta raccontando la sua storia? Allora stai scrivendo in prima persona.

Stai raccontando la storia per qualcun altro? Quindi stai scrivendo in terza persona.

Hai intenzione di entrare nelle teste di più persone e dire cose che il personaggio può sapere? Quindi stai scrivendo in terza persona onnisciente.

Ora, decidi da chi verrà raccontata la storia. Ricorda, non puoi cambiare dalla metà della storia. Una volta che scegli un punto di vista, devi seguirlo. Una buona regola per gli scrittori principianti è usare il protagonista.

 

  1.  Raccogli notizie sul tuo personaggio

 

Queste sono le sei domande a cui devi saper rispondere su ogni personaggio:

  • Cosa vuole il tuo protagonista?
  • Quale importante decisione o azione ha intrapreso il tuo protagonista per raggiungere questo obiettivo?
  • Quali conseguenze inattese sorgono?
  • Che cosa risulta da queste conseguenze?
  • Quale azione moralmente significativa deve fare il tuo protagonista?
  • Come è cambiato il tuo protagonista entro la fine della storia?

 

Il tuo lavoro come scrittore è quello di sviluppare un personaggio vivo e che respira e l'unico modo per farlo è quello di essere sicuro di saperne di più sui tuoi personaggi rispetto a quello che hai mai fatto sapere al tuo lettore.

Scrivi tutto quello che c'è da sapere sul tuo personaggio: dal liceo, ai primi ricordi, al suo primo amore, al programma televisivo preferito e alla sua più grande paura.

Se vuoi conoscere il tuo personaggio ancora più a fondo, compila un questionario sui personaggi.

 

  1. Evita i cliché

 

  • Non spiegare apertamente l'aspetto, la personalità del tuo personaggio. I lettori scopriranno il personaggio da soli mentre leggono.
  • Dai la tua debolezza al tuo personaggio. Le persone perfette non esistono.
  • Dai al tuo personaggio almeno una caratteristica unica.
  • Se devi avere una descrizione completa di un personaggio, fallo sembrare naturale. Chiedi al personaggio di far descrivere se stesso ad un altro personaggio, o un personaggio che descrive l'altro personaggio a qualcun altro ancora.

 

  1. Dai al tuo personaggio un conflitto da risolvere

 

Assicurati di avere conflitti. Non impostare il conflitto, inizia la tua storia proprio nel bel mezzo del conflitto. Questo è chiamato "In Media Res." Significa iniziare nel bel mezzo dell'azione in modo che il lettore non si scocci.

Esistono diversi tipi di conflitto, ma chiediti quale tipo di conflitto vuoi sottolineare:

Con se stesso

Con gli altri

Con il mondo naturale

Assicurati di "avere qualcosa in gioco". In altre parole, cosa succede se i personaggi non ottengono ciò che vogliono? Dovrebbe essere qualcosa che li rovina. Se non c'è nulla in ballo nella tua storia, devi "alzare la posta".

 

  1. Mostra, non dire

 

Non dirmi solo che tuo padre è divertente. Mostrami ciò che dice e fa e poi fammi decidere se è divertente o meno.

C'è una differenza tra scrivere un aneddoto (il tipo di storia che racconteresti ad un amico durante la cena) e un racconto di qualità (il tipo di storia in cui i lettori sono coinvolti all'interno dell'azione).

Prendi questi due diversi tipi di scrittura, ad esempio:

 

Sono una persona piuttosto semplice. Vado d'accordo con tutti, compresi gli odiosi ragazzi della mia città, ma c'è un certo evento che avviene ogni anno che mette la maggior parte di loro della mia. Questi giochi di "coppie" sono tutti basati sull'atletica e hanno lo scopo di creare fiducia e lavoro di squadra tra "coppie", ma a nessuno importa per quello. Tutti ricercano il premio in denaro.

Sfortunatamente, sono pateticamente non atletico, così nessuno dei ragazzi atletici della mia città ha mai voluto collaborare con me. Sono troppo "piccolo", "debole", "scoordinato" e "maldestro". Non hanno torto.

 

I miei occhi hanno scansionato l’auditorium, ma tutti i ragazzi sembravano evitare il mio sguardo. Il borsista della pallacanestro stava sussurrando con eccitazione alla cheer leader dell'Università, e il futuro marine stava già scambiando informazioni con la ragazza che aveva infranto il nostro record al liceo. Solo Seth, che aveva fatto da assistente per l’allenamento della squadra di calcio della scuola media, ha incontrato i miei occhi con un sorriso malizioso.

 

Un bravo scrittore darà ai lettori i fatti, ma mostrando impegna le loro menti, le loro emozioni e la loro immaginazione. A volte è necessario offrire fatti nudi e crudi (come le e-mail al tuo capo), ma lo scrivere creativo a cui siamo interessati deve far sì che il lettore senta qualcosa. Una storia come questa coinvolgerà il lettore in modo tale che non la dimenticherà facilmente.

Se hai difficoltà a diventare un narratore, fai degli esercizi di scrittura per aiutarti a migliorare.

 

  1. Fai andare avanti la trama

 

La trama è ciò su cui si basa la tua storia perché è la serie di eventi che si svolgono nella tua storia. La trama, e gli eventi sequenziali del tuo romanzo (esposizione, azione nascente, climax, ecc.) sono fattori chiave per determinare se la tua storia è unica o semplicemente uguale a qualsiasi altra.

 

Se vuoi tenere i lettori con il fiato sospeso, la trama della tua storia dovrebbe sempre prendere una piega inaspettata, sia all'inizio che alla fine.

Perché?

Perché mantiene la storia interessante!

 

Un altro esempio:

 

Andai a casa, aprii il mio laptop e fissai lo schermo nero per trenta minuti chiedendomi, vuoi davvero farlo? Vuoi davvero buttare via un centinaio di euro solo per dimostrare un punto?

 Oppure:

Ho acceso il portale, ho tirato fuori la mia carta di credito e ho digitato nella barra di ricerca, "affittasi un ragazzo per un giorno".

Perché sì. Volevo davvero farlo.

 

  1. Prima bozza

 

Una volta che hai una buona idea della storia, un punto di vista, personaggi profondi, e l'idea di mostrare e non dire nella tua testa, devi semplicemente scrivere.

 

scrivere un racconto

 

Non preoccuparti tanto di avere un accattivante primo paragrafo o troppi dettagli adesso. Ora, devi semplicemente preoccuparti di mettere tutto su carta.

Una storia di 8000 parole probabilmente finirà come un racconto di 4.000 parole dopo che l'avrai rivista tagliando frasi inutili.

 

Quando finisci:

  • Modifica di nuovo. Forse tre o quattro volte.
  • Rimuovi le frasi che non hanno uno scopo.
  • Assicurati che il tuo inizio sia accattivante
  • Assicurati di avere una soluzione al tuo conflitto (può essere un carattere che inizia a cambiare e ora vede le cose in modo diverso)
  • Mostralo a un esperto di scrittura e rivedi il tutto in base ai suoi suggerimenti.
  • Invialo ad un agente letterario. Ce ne sono di molto seri.

 

        9. Consigli finali

 

Una volta ho sentito alcuni preziosi consigli che mi sono rimasti impressi:

Quando scrivi una storia, non farlo lasciando le tue idee per dopo e non scrivere per piacere a tutti. Metti l’anima in ogni parola e scrivi come se scrivessi per compiacere una persona.

Perché?

Scrivere per accontentare tutti, indebolirà la tua storia e ruberà la sua unicità. Anche se hai intenzione di compiacere un gruppo di persone, ricorda che nulla al mondo può replicare l'individualità di una singola persona, ed è così che dovresti volere che fosse la tua storia.

Ricorda anche che dare il tutto di te stesso in ogni libro è importante perché questo libro potrebbe essere l'unico tuo libro che qualcuno leggerà. Quale impronta vuoi lasciare nella loro mente?

 

 

Per avere maggiori dettagli o ricevere gratuitamente un preventivo, contattami (link alla pagina contatti) e riceverai a breve tutte le informazioni richieste.

Comments are closed.