Homepage / Blog / Come scrivere una buona storia: 10 consigli
Correttore di bozze - Esperta di testi - Traduttrice - Correttore di bozze - Esperta di testi - Traduttrice -

Come scrivere una buona storia: 10 consigli

Dieci segreti per scrivere una buona storia

 

Scrivere una buona storia non è facile; scrivere bene è importante, anche se difficile, soprattutto nel mondo del lavoro di oggi, ma ancora più difficile è scrivere una buona storia in ambito creativo.

 

In questo articolo, imparerai dieci segreti su come scrivere una storia, ma, soprattutto, su come scrivere una buona storia.

 

Da quando ho iniziato il mio lavoro di correttore di bozze e editing presso diverse realtà editoriali, ho cercato di dare una risposta a questa domanda, come scrivere una buona storia. Ho letto libri e post di blog sulla scrittura e ho chiesto a decine di autori.

 

I seguenti dieci passi sono un distillato di tutto ciò che ho imparato per poter scrivere una buona storia.

Spero che rendano la scrittura della tua storia più semplice, ma più di questo, spero che rappresentino una ulteriore tappa della tua ricerca su come scrivere una storia.

 

 

  1. Scrivi in una sola seduta

 

Scrivi la prima bozza della tua storia nel più breve tempo possibile. Se si scrive un racconto, prova a scrivere in una sola seduta. Se si scrive un romanzo, prova a scriverlo in una stagione (tre mesi).

 

Non preoccuparti troppo della trama, puoi farlo soltanto una volta che saprai di avere una storia da raccontare. Il tuo primo progetto è un processo di scoperta. Sei come un archeologo che scava una città antica. Potresti avere alcuni indizi su dove la città è sepolta in anticipo, ma non saprai che cosa ti troverai davanti fino a quando non sarà portata alla luce.

 

  1. Sviluppa il tuo protagonista

 

Le storie si concentrano sui protagonisti, e se non si dispone di un buon protagonista, non si avrà una buona storia. L'ingrediente essenziale per ogni protagonista è che deve prendere decisioni. Victor Frankl ha detto: “Un essere umano è un essere decisivo.” Il tuo protagonista deve prendere una decisione sul da farsi in qualunque pasticcio si possa trovare nella tua storia, e allo stesso modo, deve affrontare una crisi e tirarsi fuori dai guai.

Per sviluppare ulteriormente il tuo protagonista, utilizza altri archetipi, come il cattivo o il pazzo, un personaggio spalla che rivela il lato più dolce del protagonista.

 

  1. Crea suspense e dramma

 

Per creare suspense, imposta un domanda drammatica. Una domanda drammatica è qualcosa di simile, “Ha intenzione di farlo?”, oppure, “Lei sta per ottenere l'uomo dei suoi sogni?” Mettendo il destino del protagonista nel dubbio, si spinge il lettore a chiedersi, che cosa succede dopo?

Nota: Per fare questo, è necessario limitare il flusso di informazioni per il lettore. Niente distrugge la suspense come le troppe informazioni.

 

  1. Mostra, non dire

 

Onestamente, il detto “mostra, non dire” è abusato. Tuttavia, è quanto mai pertinente per questo paragrafo.

Quando succede qualcosa di interessante nella tua storia che cambia il destino del tuo personaggio, non dirlo, ma mostra la scena! I tuoi lettori hanno il diritto di vedere le parti migliori della storia svilupparsi davanti a loro.

Mostra le parti interessanti della tua storia, e dì il resto.

 

  1. Scrivi un buon dialogo

 

Un buon dialogo proviene da due cose: una profonda conoscenza dei tuoi personaggi e un sacco di editing.

Ogni personaggio deve avere un tono unico, e per assicurarti che i tuoi personaggi abbiano tutti un tono proprio, leggi il dialogo di ogni personaggio e chiediti: “Questo è consono al mio personaggio?” Se la risposta è no, allora hai un po’ di editing da fare.

 

  1. Scrivi sulla morte

 

Pensa agli ultimi cinque romanzi che hai letto. In quanti un personaggio è morto? Le buone storie coinvolgono spesso la morte. Harry Potter, The Hunger Games, La tela di Carlotta, Il Signore degli Anelli, hanno personaggi principali che muoiono. La morte è un tema universale, perché ogni persona che vive morirà un giorno. Prendi in considerazione il tema della morte nella tua storia.

 

  1. Fai un editing professionale

 

La maggior parte degli scrittori professionisti scrive tre bozze o più. Il tuo primo progetto è la tua occasione per esplorare la tua storia e guardare di che cosa si tratta. Non devi condividerla con gli altri!

Il secondo progetto è destinato a grandi cambiamenti strutturali e per chiarire la trama e i personaggi del tuo romanzo o le idee chiave del tuo libro.

Il terzo progetto è un passaggio di “lucidatura”, ma fino a quando si scrivono le prime due bozze, la lucidatura è probabilmente uno spreco di tempo.

 

  1. Conosci le regole, poi rompile

 

I buoni scrittori conoscono tutte le regole e le seguono. I grandi scrittori conoscono tutte le regole e le rompono. Tuttavia, i migliori scrittori non rompono le regole in modo arbitrario. Le infrangono perché le loro storie richiedono tutta una nuova serie di norme. Rispetta le regole, ma ricorda che non si servono le regole. Servi la tua storia.

 

  1. Affronta il blocco dello scrittore

 

Il modo migliore per sconfiggere il blocco dello scrittore è quello di scrivere. Se sei bloccato, non provare a scrivere bene. Non cercare di essere perfetto. Scrivi e basta. A volte, per scrivere una buona storia, si deve soltanto iniziare a scrivere.

 

  1. Condividi il tuo lavoro

Si scrive meglio quando si sa che qualcuno presto leggerà quello che si è scritto. Quando si condivide il proprio lavoro, si presenta la possibilità del fallimento. Questo ti costringerà a scrivere la storia migliore possibile.

 

Per avere maggiori dettagli o ricevere gratuitamente un preventivo, contattami (link alla pagina contatti) e riceverai a breve tutte le informazioni richieste.

Comments are closed.