Homepage / pubblicazioni / Il ruolo della donna nella Germania nazista. Maternità, razzismo e guerra
Correttore di bozze - Esperta di testi - Traduttrice - Correttore di bozze - Esperta di testi - Traduttrice -

Il ruolo della donna nella Germania nazista. Maternità, razzismo e guerra

Il ruolo della donna nella Germania nazista è un tema al centro della storiografia di genere. Anche se politicamente invisibili, le donne erano profondamente coinvolte nel regime nazista, che abbiano sostenuto il Partito o meno.

 

Il ruolo della donna nella Germania nazista è stato al centro di studi che privilegiavano l’aspetto della mancanza di mobilitazione della componente femminile nel mondo del lavoro in tempo di guerra, ma molte ne facevano già parte prima del conflitto.

 

La storiografia sulle donne nella Germania nazista è complessa e controversa, ma dimostra l'importanza del ruolo femminile in un regime dominato dagli uomini.

 

Gli uomini guidavano il Partito nazista.

 

Gli uomini controllavano la legislazione e i programmi del regime, detenevano il potere su tutta la Germania, comprese le donne.

 

Adolf Hitler e i leader nazisti descrivevano la donna ideale come madre e custode della prossima generazione di giovani tedeschi.

 

Per questa ragione, i nazisti crearono innumerevoli programmi e una legislazione ad hoc per le donne e le future generazioni tedesche.

 

Questi programmi relegavano la donna al ruolo di moglie e madre, custode della prossima generazione del Terzo Reich, governandone al contempo la vita personale.

 

I nazisti avevano bisogno che le donne rimanessero nella loro “sfera privata”, casa e cucina.

 

I programmi escludevano le donne dalla politica e dall'istruzione superiore.

 

Infatti, l’accesso all'Università fu reso molto restrittivo, inoltre, le donne non poterono svolgere la professione di medico e procuratore.

 

Tuttavia, molte donne medico furono richiamate in servizio data la penuria di personale sanitario.

 

Gli uomini nazisti definirono il ruolo della donna nella Germania nazista, eppure, nonostante il credo nazista della donna ideale come moglie e madre relegata alla “sfera privata”.

 

Soltanto di recente la storiografia ha iniziato ad esaminare le complesse dinamiche del coinvolgimento femminile nel Terzo Reich.

 

Sono dunque necessarie ricerche aggiuntive per comprendere pienamente il ruolo della donna nella Germania nazista.

 

L’articolo è stato pubblicato da Storico.org e Storia in Network.

 

 

Comments are closed.