Homepage / Blog / Scrivere un articolo tecnico-scientifico: poche e semplici regole da seguire
SEO copywriting- italiano scritto professionale SEO copywriting- italiano scritto professionale

Scrivere un articolo tecnico-scientifico: poche e semplici regole da seguire

Scrivere un articolo tecnico-scientifico può essere difficile anche per gli esperti. Questo perché nella stessa persona dovrebbero essere presenti sia competenze tecnico-scientifiche sia umanistiche. E Scrivere non è mai facile.

Molti tecnici si trovano in difficoltà quando devono comunicare con il grande pubblico.

 

Tuttavia, se si seguono alcune regole è possibile scrivere un articolo tecnico-scientifico valido e ben fatto.

 

  1. Identifica il tuo pubblico

Prima di iniziare a scrivere un articolo tecnico-scientifico, devi porti una domanda importante sul tuo pubblico di riferimento:

Per chi stai scrivendo? Per quale rivista scientifica?

Scegliere la rivista scientifica giusta:

Tieni sempre presenti le norme editoriali della rivista a cui è destinato l’articolo.

 

  1. Scrivi la tua bozza partendo da argomenti e riferimenti rilevanti

Dopo aver scelto la rivista specializzata e conoscendo le norme editoriali adottate, puoi iniziare a strutturare la tua pubblicazione.

Identifica gli argomenti e i riferimenti più rilevanti, uniscili in uno schema strutturato.

A questo punto, dovresti discutere la bozza con colleghi e ricercatori esperti del tuo istituto di ricerca. Questo ti impedirà di impegnarti molto su qualcosa che era sulla strada sbagliata fin dall'inizio.

  1. Inizia a scrivere

Adesso, tenendo a mente lo schema che hai strutturato, puoi iniziare a scrivere.

È il passaggio più cruciale.

È essenziale tenere sempre a mente il lettore. Solo quando spieghi la tua ricerca in modo chiaro e comprensibile il tuo pubblico può seguire la tua spiegazione e apprezzare il lavoro che hai fatto. Si deve scrivere per spiegare e essere compresi, non per stupire.

Regole principali da tener presenti:

  • Mantieni l'organizzazione del tuo articolo lineare e mirata.
  • Sii chiaro, sii conciso. Cerca di coinvolgere i tuoi lettori, non annoiarli con informazioni ben note o minuzie arcane. Tuttavia, non sacrificare la chiarezza nel tentativo di accorciare la tua scrittura.
  • Usa verbi in forma attiva e una costruzione semplice della frase.
  • Utilizza intestazioni e suddividi ogni sezione principale in brevi sottosezioni. Le sottosezioni brevi sono più facili da digerire per i lettori, ma assicurati di organizzarle bene.
  • Porta il lettore al passo con i tempi. Siamo tutti così immersi nel nostro campo di competenza che spesso dimentichiamo quanto misteriosa possa essere la nostra specializzazione per gli altri. Evita il gergo inspiegabile.

 

Ulteriori raccomandazioni:

  • Scrivi l’introduzione solo dopo aver scritto tutto il resto tranne l’abstract. Vai avanti e scrivi un'introduzione se vuoi, ma pensa di buttarla via. A volte ci vuole un po' per "entrare nel ritmo" di scrittura giusto e scrivere ciò che hai in mente.
  • Scrivi l’abstract per ultimo.
  • Scrivi il tuo articolo, mettilo da parte, quindi rileggilo con un occhio attento per scoprire tutte le cose stupide che hai scritto e tutte le cose ovvie non scritte. Fai una seconda bozza, poi una terza. Leggilo ad alta voce e, se suona bene all'orecchio, dai un'ultima occhiata prima di inviarlo. Nessuno di noi è uno scrittore così bravo da scrivere un buon articolo in una o due bozze.

 

  1. Le parti di un articolo 
  • Il titolo. Sii descrittivo e completo, ma mantienilo il più breve possibile.
  • L’abstract. Deve essere scritto per ultimo, perché è possibile riproporre parti dell’enunciazione del problema, delle procedure e delle conclusioni già scritte. Sii chiaro e mantienilo breve; questa è la tua presentazione verso un potenziale lettore. È anche l'unica parte del tuo articolo che non è specialistica.
  • Le parole chiave. Non fanno parte della ricerca, né fanno parte del rapporto, quindi vengono solitamente trascurate fino a quando gli autori non inviano un articolo a una rivista. Tuttavia, le parole chiave vengono utilizzate nelle ricerche su Internet e nei Database per trovare gli articoli che più interessano, quindi assicurati di essere esaustivo.
  • L’introduzione. Deve essere composta da tre parti principali:

Il contesto generale del problema che stai affrontando.

a) Non essere troppo generico o ovvio. Se stai scrivendo su un argomento che è al di fuori della formazione dei soliti lettori della rivista, devi trovare un modo per educare i tuoi lettori sull'essenza della tua disciplina in modo che possano apprezzare l'ottimo lavoro che hai fatto nel resto del l'articolo.

b) Descrivi il problema o la mancanza di informazioni che hai osservato. A volte è appropriato formulare un'ipotesi invece di un problema.

La letteratura accademica di riferimento.

a) L'aggiunta di citazioni aiuta le persone a individuare gli articoli correlati. Ciò significa che se qualcuno ha trovato uno dei tuoi articoli citati, sarà più probabile che trovi anche il tuo nuovo articolo. Pertanto, sforzati di essere completo. Guarda a livello internazionale.

b) Non limitarti a elencare altri studiosi che hanno lavorato nella tua stessa area di ricerca. Aiuta il tuo lettore a comprendere il significato di ciò che hanno fatto i tuoi predecessori: è solo spiegando attentamente il valore del loro lavoro che i tuoi lettori saranno in grado di apprezzare l'importanza di ciò che adesso stai scrivendo.

La definizione del problema

a) La definizione del problema potrebbe avere una portata più limitata rispetto al problema generale o all'ipotesi di cui hai scritto prima. La chiarezza è il tuo obiettivo principale; la concisione dovrebbe essere il tuo secondo obiettivo. La definizione del problema dovrebbe essere un paragrafo separato.

b) Che tu ci creda o no, molti autori trascurano di scrivere una definizione del problema, o potrebbero posizionarla in modo inappropriato al centro della sezione Materiali e metodi, molto tempo dopo che il lettore si è confuso e stancato di cercare di capire dove stava andando a parare l'autore. (Non importa a quel punto, perché i lettori stanchi smettono di leggere.)

  • Materiali e metodi

La sezione Materiali e metodi viene spesso trascurata ed è una delle sezioni che spesso possono essere migliorate maggiormente in una seconda bozza.

Un modo comune per scrivere questa sezione:

  • una descrizione dei materiali utilizzati, le dimensioni dei campioni scelti.
  • una descrizione dei metodi: i test condotti.

Questo sembra adattarsi alle esigenze di questa sezione, ma ciò che manca in quasi tutti i casi è uno o due paragrafi preliminari che spieghino la struttura generale degli esperimenti.

 

La sezione deve essere composta da tre parti principali:

Paragrafo introduttivo.

a) Ogni sezione Materiali e metodi necessita di un'introduzione. In un solo paragrafo o due, descrivi l'approccio generale per risolvere il problema o convalidare la tua ipotesi. Se dai ai lettori queste informazioni all'inizio, non faranno fatica a scoprire la tua logica mentre descrivi la tua scelta dei materiali e degli esperimenti. Questo è il punto giusto per dire ai lettori perché hai scelto di utilizzare determinati materiali / specie e perché hai scelto di risolvere il problema con determinati tipi di test o esperimenti. È possibile fornire ai lettori tutti i dettagli relativi alla preparazione dei campioni e ai protocolli di analisi nelle sottosezioni seguenti; se il tuo lettore sceglie di non leggere i dettagli che fornisci, potrà comunque comprendere il significato dei risultati discussi nella sezione successiva.

Descrizione dei materiali scelti per gli esperimenti

a) Ora che i tuoi lettori conoscono i tipi di test che hai condotto, puoi immediatamente procedere alla descrizione di come hai selezionato il tuo materiale o i tuoi campioni (o qualsiasi altra cosa, a seconda della tua ricerca). A volte è possibile chiamare questa sottosezione Preparazione del campione.

b) Hai pretrattato i tuoi campioni in qualche modo prima del test (essiccandoli, ad esempio)? Descrivi chiaramente le condizioni o il protocollo. Non annoiare i lettori con le descrizioni di ogni apparecchio utilizzato, né con i nomi dei produttori di tali apparecchiature, a meno che non fossero particolari o su misura per riprodurre gli esperimenti necessari per una corrispondenza esatta.

Descrizione dei test utilizzati negli esperimenti

a) Suddividi la sezione in più sottosezioni. Ricorda di utilizzare le intestazioni.

b) A seconda dei tuoi esperimenti, potrebbe esserci un ordine logico in cui esporre le descrizioni. Questo aiuterà i lettori a seguire quello che hai fatto.

 

  • Risultati e discussione

a) Documenta i risultati per ciascuna procedura descritta nella sezione Metodi. Sarebbe opportuno utilizzare una serie parallela di sottosezioni.

b) Una sezione Discussione generale segue normalmente i risultati, ma potrebbe essere necessario inserire brevi commenti anche all'interno delle singole sottosezioni dei risultati (ad esempio, "i campioni erano sempre deteriorati, quindi i dati non erano utili"). Non cercare di essere troppo analitico in queste brevi sottosezioni, mantieni la tua scrittura concentrata sull'argomento in questione. Presta attenzione ai tuoi titoli ed elimina tutto ciò che si allontana dall'argomento.

c) La sezione Discussione (generale) è quella in cui valuti la totalità dei risultati del tuo progetto. Ad esempio, potresti aver scoperto che esiste una relazione, ma solo quando sono presenti i fattori A e B. Potresti averlo già affermato nelle sottosezioni, ma qui puoi contestualizzare le tue scoperte. Prenditi il tempo per spiegare chiaramente come sono collegati i risultati, in particolare se hai più esperimenti su cui riferire. Spiega chiaramente cosa significano i tuoi risultati. Riassumerai questi risultati nella prossima sezione.

d) Tabelle e diagrammi a volte sono sovraccarichi di informazioni. Dai uno sguardo critico a ciò che vuoi presentare e verifica se lo stai presentando in modo efficace. Il modo più semplice per presentare i dati non è sempre il modo migliore affinché un lettore comprenda i risultati. Assicurati che nel testo si faccia riferimento a tabelle e figure.

 

  • Sommario e conclusioni

a) Gli autori spesso dimenticano di riassumere i loro risultati e procedono direttamente a un elenco di conclusioni, ma questo presume che il lettore abbia letto l'intero articolo per arrivare a questo punto. Se ti prendi il tempo per esporre chiaramente una sintesi delle tue scoperte, aiuterai il lettore che non ha l'interesse o il tempo per leggere ogni frase del tuo articolo.

b) La parte Conclusioni dell’articolo è dove gli autori possono dire ai lettori come hanno risolto il problema esposto nella sezione Introduzione. Rendi chiara la risoluzione al lettore e indica eventuali problemi irrisolti. Un elenco puntato dei risultati è spesso utile e appropriato.

c) Un problema che ho osservato è che gli autori a volte citano nuovi riferimenti in questa sezione. Questo è uno spazio inappropriato per le citazioni; qualsiasi discussione appartiene alla sezione Discussione.

 

  • Riconoscimenti

 I riconoscimenti vengono spesso trascurati, ma probabilmente sono pochi gli studi che sono stati realizzati senza il consiglio di altri o l'assistenza finanziaria di qualche Ente o Organizzazione. Forse, qualche esperimento è stato condotto con l’aiuto di un laureando o dottorando. Sii riconoscente e gentile. Non costa nulla.

 

  • Citazioni

a) Segui le norme editoriali della rivista a cui stai inviando il tuo articolo.

b) Ricontrolla per assicurarti che ogni articolo elencato sia effettivamente citato nel tuo articolo e viceversa!

 

  1. Il processo di revisione

È stato un duro lavoro, ma ecco fatto: hai scritto la prima bozza! Ora devi dedicare lo stesso impegno alla revisione e alla modifica dell'articolo scientifico. Mostra le diverse parti del tuo articolo a colleghi e mentori scientifici. Discuti le correzioni e le idee e decidi quali includere e quali omettere. Prima di inviare l'articolo, presta attenzione ai requisiti formali della rivista. Assicurati di aderire alle norme editoriali in uso, in particolare che tutti i riferimenti siano citati correttamente.

Gli articoli tecnico scientifici sono sottoposti a una revisione tecnica da parte di un technical editor o technical reviewer. Questa revisione valuta l’idoneità tecnico-scientifica dell’articolo.

La revisione stilistica dell’articolo, forma e stile, solitamente è affidata allo stesso reviewer, oppure a un reviewer non tecnico.

 

Questioni da considerare dopo la pubblicazione dell'articolo

Congratulazioni! Hai inviato il tuo articolo e la rivista lo ha accettato - ben fatto! Ma potresti pensare di promuovere la tua ricerca e di farlo andando oltre i canali di pubblicazione convenzionali.

Varie piattaforme web, tra cui Google Scholar, sono specializzati nel collegare gli scienziati tra loro.

Utilizzando tali piattaforme, puoi fare rete con la comunità scientifica, condividere esperienze e imparare dagli altri. Comunicare i tuoi risultati scientifici attraverso i social media può aiutarti ad aumentare l'impatto e la notorietà delle tue ricerche.

 

 

Per avere maggiori dettagli o ricevere gratuitamente un preventivo sulla revisione di un articolo tecnico-scientifico, contattami (link alla pagina contatti) e riceverai a breve tutte le informazioni richieste.

Comments are closed.