Homepage / Blog / Scrivere un resume: la guida passo dopo passo su contenuto e organizzazione
Correttore di bozze - Esperta di testi - Traduttrice - Correttore di bozze - Esperta di testi - Traduttrice -

Scrivere un resume: la guida passo dopo passo su contenuto e organizzazione

Scrivere un resume è certamente una novità per tanti. In effetti, il resume è molto usato negli Stati Uniti, anche se sta prendendo piede anche in Italia.

 

Scrivere un resume non è la stessa cosa che scrivere un curriculum o una lettera di presentazione.

 

Qualunque sia il lavoro che una persona sta cercando, può capitare che gli venga richiesto di scrivere un resume.

 

Vediamo come procedere per scrivere un resume che faccia ottenere il lavoro tanto desiderato.

scrivere un resume

 

Scrivere un resume- contenuti:

 

  1. Formato del resume

 

  • Cronologico
  • Funzionale
  • Combinazione

 

  1. Struttura e organizzazione

 

  • Contatti
  • Introduzione
  • Esperienze professionali
  • Formazione
  • Sezioni aggiuntive

 

  1. Stile

 

  1. Conclusione

 

 

È ovvio che un resume è un documento che mette in mostra la tua esperienza, il tuo profilo e le tue competenze. Lo scopo di scrivere un resume è quello di ottenere un colloquio di lavoro. In ultima analisi, è un importante primo passo per ottenere un ottimo lavoro.

Questa è una definizione piuttosto ampia. Come tale, può essere utile per descrivere ciò che un resume non è. In primo luogo, non è solo la tua storia lavorativa. Inoltre, non è semplicemente una lista delle tue competenze e degli attestati. Per non parlare del curriculum, il resume è, infatti, molto diverso da un curriculum vitae. Fai attenzione a non confonderli.

 

In breve, il resume non è:

  • Un elenco dei precedenti lavori, skills, o attestati
  • Il tuo curriculum vitae
  • L'unica cosa che devi fare per ottenere un posto di lavoro

 

Si menzionano alcune delle tue competenze, e alcuni passaggi della tua storia professionale, e alcune qualifiche, il tutto al fine di convincere un selezionatore ad offrire un colloquio. Con il resume, stai descrivendo e mettendo in risalto le tue migliori qualità.

 

  1. Il formato del resume

 

Cominciamo dall'inizio. Da dove si comincia? Prima di iniziare a scrivere un resume, è necessario decidere quale formato si desidera utilizzare.

Ci sono alcuni fattori da tenere in considerazione. Alcuni formati mettono in evidenza l'esperienza. Altri mostrano un set di abilità uniche. Alcuni sono anche particolarmente efficaci nel far risaltare delle caratteristiche positive.

 

Ecco i principali formati, insieme con i casi in cui sono più utili:

 

  1. Cronologico

 

Anche comunemente chiamato “cronologico inverso”. È il formato più comune e probabilmente quello che già utilizzi. I resume cronologici visualizzano chiaramente la tua storia lavorativa e formativa. Sono una buona scelta per quasi ogni livello di esperienza.

 

Quando usarlo:

  • per illustrare la tua carriera lavorativa nel corso del tempo
  • per mostrare la progressione della tua carriera
  • per un lavoro simile a quelli di cui hai già esperienza

 

Quando non usarlo:

  • si hanno vuoti di carriera
  • si è cambiato spesso lavoro
  • si inizia una seconda carriera o in un campo totalmente diverso dagli altri.

 

Questo tipo di resume si chiama cronologico inverso perché inizia con il lavoro più recente in cima all’elenco, e prosegue con gli altri fino al meno recente in fondo alla lista.

 

  1. Funzionale

 

Questo formato è fondamentalmente l'opposto del cronologico. Il formato funzionale si concentra più sulle competenze specifiche, le realizzazioni, o riconoscimenti. In questo formato, le tue abilità e i successi nella carriera professionale sono all’inizio. La tua storia lavorativa finisce in fondo (ed è molto più breve). Questo formato è eccellente per i liberi professionisti o per chi riprende il lavoro dopo una lunga pausa.

 

Quando usarlo:

  • per evidenziare una serie di abilità o riconoscimenti che mostrano talune competenze
  • quando si torna nel mondo del lavoro dopo una lunga pausa
  • quando si cambia ambito lavorativo

 

Quando non usarlo:

  • se si ha pochissima esperienza professionale
  • se si cerca di dimostrare di aver fatto carriera (o di essere cresciuti nel proprio campo)
  • se non si hanno competenze professionali o certificazioni

Perché non si dovrebbe utilizzare questo formato se si è un candidato senza esperienza? Perché non si dovrebbe nascondere questo fatto, come fa un resume funzionale, e precludersi così la possibilità di un prezioso tirocinio.

 

  1. Combinazione

 

Questo formato, come indica il suo nome, è una combinazione del formato funzionale e cronologico. Il formato combinazione è una buona scelta se si desidera mostrare una miscela di abilità e esperienza. È anche utile per i lavoratori che vogliono evidenziare un insieme molto specifico di competenze e come la loro storia lavorativa abbia contribuito a costruire queste abilità.

 

Quando usarlo:

  • se si vuole mostrare di essere estremamente qualificati per un dato settore
  • se si vuole mostrare una competenza sviluppata in un campo specifico
  • quando si vuole cambiare ambito lavorativo o carriera

 

Quando non usarlo:

  • se sei un candidato senza esperienza
  • se sei senza esperienza o non hai un insieme di abilità professionali ben definite
  • se desideri far esaltare il tuo background formativo

 

  1. Struttura e Organizzazione

 

Ora che hai scelto il formato, è necessario mettere le informazioni in ordine. In questa sezione ti mostrerò come riempiere ogni sezione. Ricorda, come si presentano queste sezioni, o anche se non includerle tutte, dipende in gran parte dal formato e dalle preferenze personali.

 

Informazioni di contatto

 

Questa sezione contiene semplicemente le informazioni necessarie per essere contattato. In generale è necessario posizionare le informazioni in questo ordine:

  • Nome e Cognome
  • Indirizzo
  • Numero di telefono
  • E-mail
  • Sito web o il collegamento al portfolio digitale
  • profilo Linkedin

Dopo il nome, tutto il resto può essere più piccolo e in una sola riga o due righe.

Nel tuo resume, non mettere le tue informazioni di contatto nell’intestazione. Se si sta inviando il resume in digitale, potrebbe essere gestito attraverso un sistema automatico e spesso questi non registrano le intestazioni.

 

Introduzione del resume

 

Ci sono tre principali stili di introduzione, tutti eccellenti in diverse situazioni. Queste introduzioni sono un altro strumento per mettere in evidenza le competenze e l'esperienza, oltre a fornire informazioni specifiche sul motivo per cui si cercando un nuovo lavoro e quali sono gli obiettivi.

 

Riepilogo delle qualifiche

Conosciuto anche come sintesi delle qualifiche, si tratta di un elenco puntato che racconta perché sei qualificato per una certa posizione. Molto chiara e descrittiva, la sintesi delle qualifiche è ottima se stai presentando la propria candidatura per un lavoro che richiede un insieme molto specifico di competenze. Ricorda, anche se si tratta di una lista, di evitare di essere vago. Quantifica dove puoi.

 

Quando usarlo:

  • se si dispone di un set di competenze che si desidera mettere in evidenza
  • se si ha un sacco di esperienza
  • se il lavoro richiede competenze molto specifiche che tu vuoi dimostrare di avere

 

Quando non usarlo:

  • se sei alla prima esperienza lavorativa
  • se non hai grandi competenze
  • se hai soltanto un’unica competenza da evidenziare

 

Obiettivi di carriera

A differenza di una sintesi delle qualifiche, questo è meno quello che puoi fare e più cosa farai.

Dovresti menzionare le abilità che possiedi, ma anche come potresti usarle. Questa sezione non dovrebbe superare le 2-3 frasi. Questa sezione è efficace per i candidati senza esperienza e per chi entra in contatto con una singola azienda.

 

Quando utilizzarla:

  • se sei un candidato senza esperienza
  • se sei appena uscito dalla scuola superiore o dall'università
  • se non hai esperienza nel settore in cui stai proponendo la tua candidatura

 

Quando non utilizzarla:

  • se il lavoro richiede competenze molto specifiche
  • se si dispone di una quantità elevata di esperienza in materia
  • se si sta cercando un lavoro temporaneo

 

Profilo professionale

Il profilo professionale è fondamentalmente una combinazione delle due precedenti sezioni.

Di solito scritto come un paragrafo di 2-3 frasi, si descrivono le competenze e si motiva il perché si è qualificati.

 

Quando utilizzarlo:

  • per evidenziare importanti risultati in lavori precedenti
  • se si hanno abilità speciali che potrebbero dare un vantaggio competitivo
  • se la candidatura all’annuncio è simile alle tue posizioni precedenti

 

Quando non utilizzarlo:

  • se devono ancora essere raggiunti dei traguardi significativi
  • se sei un candidato senza esperienza
  • se la tua esperienza ha più significato del tuo set di competenze

 

Un profilo professionale può anche essere una lista di elenchi puntati. Tuttavia, se lo fai in questo modo, ricordati di includere di più delle tue skills. Inserisci anche alcuni dei tuoi più importanti successi professionali.

 

Esperienza professionale

 

La tua esperienza professionale è la parte più importante del tuo resume.

Ciò è particolarmente vero se si sta utilizzando il formato cronologico. Per la maggior parte responsabili delle risorse umane, questo è quello che cercano subito dopo aver visto il nome. Fondamentale, quindi, che si scriva bene questa sezione, anche se si utilizza un resume combinazione o in formato funzionale.

 

Come elencare i lavori precedenti

 

Elencare sempre la tua posizione attuale e quelle precedenti dalla più recente alla meno recente. Assicurati che ogni posizione sia chiaramente separata dalle altre. Il nome dell'azienda deve essere trattato come una parte a sé, in grassetto o con un font di due dimensioni superiori.

Dopo il nome della società, includi il tipo di posizione e il periodo in cui vi hai lavorato. Questo può essere messo accanto alla società o immediatamente sotto. Ma assicurati che lo stile del carattere sia diverso dal nome dell'azienda.

  

Elenco puntato

 

Per ogni lavoro, si dovrebbe includere un paio di punti elenco. Questi mostrano la tua esperienza, le realizzazioni, e il livello di responsabilità che puoi assumere. Questa non è una lista dei tuoi impegni. Piuttosto, ha lo scopo di mettere in evidenza le tue competenze, un po' come una sintesi delle qualifiche, ma più ampia.

A seconda del formato e di che cosa si sta cercando di mettere in evidenza, si dovrebbe includere 3-5 punti elenco per ogni lavoro.

 

Ecco alcuni consigli:

  1. inizia con un verbo d'azione
  2. inserisci qualcosa di quantificabile
  3. includi realizzazioni o responsabilità rilevanti

 

Esempio:

Ho coordinato la comunicazione tra i 3 dipartimenti, consentendo all'azienda di agire e affrontare i problemi in modo rapido ed efficiente.

Si noti l'importanza dei verbi d’azione. Sono grandi strumenti per ottenere l'attenzione di un selezionatore e mostrare di essere un dipendente dinamico. Inoltre, è importante prestare attenzione al tempo del verbo. Se stai lavorando presso un’azienda, scrivi con il tempo presente. Se si tratta di un lavoro precedente, assicurati di scrivere i punti elenco con il tempo al passato.

 

Formazione

 

Ogni responsabile delle risorse umane guarda questa sezione, anche se non sei più a scuola da 20 anni. È importante, quindi, visualizzare questa sezione correttamente - ancora più importante se si è un neo-diplomato o un neo-laureato.

Se sei fresco di scuola, potrebbe anche prendere in considerazione la tua formazione di base prima del tuo profilo professionale. Questo in quanto l'esperienza accademica sarà più rilevante della tua storia lavorativa.

Eppure, questa sezione non dovrebbe essere troppo lunga. Semplice e diretta, e assicurati di inserire:

 

  • Il nome della tua scuola, istituto o università
  • Città sede dell’Istituto o dell’Università
  • Anno si in cui ti sei diplomato o laureato
  • Il tipo di diploma o laurea

 

Sezioni aggiuntive

 

Skills

La sezione competenze di un resume è altrettanto importante quanto la sezione dell’esperienza professionale, soprattutto se si utilizza un formato funzionale o combinazione. Ci sono, tuttavia, tre tipi principali di competenze da includere:

Tecniche

Queste sono le competenze che si acquisiscono o acquisite attraverso l'esperienza. Sono rilevanti per la posizione o lo saranno nella pratica. Se stai proponendo la tua candidatura per un posto da segretaria, le competenze tecniche dovrebbero includere la Suite Microsoft Office.

Addizionali

Questo insieme di skills sono quelle che potrebbero rivelarsi utili, ma non sono centrali per il lavoro. Se si sta proponendo la propria candidatura per un posto di operaio edile, probabilmente non è necessario che si parli un'altra lingua. Tuttavia, potrebbe essere utile, quindi è bene includerla.

Soft skills

Queste sono competenze che sono in genere più difficili da definire, ma ancora critiche in un ambiente di lavoro. Se ci si propone come manager, la capacità di leadership o di equilibrio sono molto utili. Se si dispone di spazio sul resume, includere alcune di queste, soprattutto se sono legate alla posizione che si vuole ricoprire.

 

Tieni a mente che la sezione competenze dovrebbe essere solo una sezione. Nell'organizzare le tue skills, mantieni competenze simili raggruppate insieme. Inoltre, in ordine di importanza. Le competenze tecniche sono generalmente più significative, mentre le soft skills hanno minore rilevanza.

Cosa fare e cosa non fare:

  • quantificare dove possibile
  • non includere skills vaghe
  • utilizzare competenze specifiche relative al lavoro che si vorrebbe fare
  • non elencare skills casuali non collegate al lavoro
  • includere soft skills uniche e interessanti
  • non mettere in evidenza soft skills che sono abusate (per esempio, dinamico, laborioso, gentile)

 

Attestati e licenze

 

Se disponi di certificazioni particolari o licenze, assicurati di includerle. Per alcune posizioni, sono obbligatorie. Anche se non è questo il caso, averle certamente ti darà una marcia in più.

 

Pubblicazioni

Se hai una vasta esperienza accademica, potresti aver pubblicato articoli, storie, e libri. Sono particolarmente importanti se sono richiesti per il lavoro per il quale stai proponendo la tua candidatura. Ruoli accademici, posizioni nel giornalismo e nei media, o anche nel marketing.

La tua sezione pubblicazioni potrebbe essere espansa ulteriormente in un portfolio. Designer, artisti e consulenti sono noti per curare il portfolio.

 

  1. Stile

Ora che il duro lavoro è stato fatto, vuoi che tutto appaia nella luce migliore.

Ci sono una serie di questioni stilistiche da considerare durante il processo di scrittura. Qui ci sono le più importanti: mai andare oltre le due pagine. Ricordati, il fine di un resume è quello di presentare e “vendere” se stessi, non di essere un’auto-biografia completa. Chiari e concisi è la regola.

 

Numero di pagine

Ognuno ha un parere sul numero di pagine che dovrebbe avere un resume. Non andare mai oltre le due pagine. Ricorda che il tuo obiettivo è quello di presentare e “vendere” te stesso, non di presentare la tua autobiografia. Obiettivo: chiarezza e concisione.

 

Dimensione del carattere e stile

Non c’è un accordo universale su quale tipo di carattere utilizzare, quindi sentiti libero di sceglierne uno. Fai attenzione però - evita l'uso di caratteri di diversi colori, troppo minuscoli o troppo grandi, o caratteri stravaganti. Utilizza sempre il colore nero e dimensioni normali del testo (consiglio 12, mai nulla di più piccolo del 10 o più grande del 16 per il testo normale). In caso di dubbio, utilizzare Times New Roman.

Molti resume seguono la regola “24, 12, 10”. Ciò significa che il tuo nome è in 24, con intestazioni e elenchi puntati di 12 e 10.

Alcuni esperti sostengono che i resume hanno un aspetto migliore con i font serif, mentre le versioni digitali acquisiscono un look più pulito con i sans-serif. È una questione di opinione, ma è bene esserne a conoscenza.

Linee e pause

Utilizzare le linee per evidenziare sezioni che cambiano può contribuire a rendere il tuo resume più facile da leggere.

Evita l'uso di troppe pause, ma suddividere la pagina con più sezioni renderà il tuo resume più chiaro.

Margini

I margini sono gli spazi che separano i bordi della pagina dal suo contenuto. Una buona regola di base è quella di inserire un margine abbastanza ampio. Tuttavia, se è necessario includere più di una pagina, è accettabile rendere i margini più piccoli, ma non troppo.

 

  1. Conclusione

 

Arrivato a questo punto, hai fatto la maggior parte del lavoro necessario per scrivere un resume.

 

Il resume non può essere considerato valido e indicato in qualsiasi caso, almeno in Italia, ma in alcune realtà la brevità e la precisione di un resume saranno certamente apprezzate.

 

Per avere maggiori dettagli o ricevere gratuitamente un preventivo, contattami (link alla pagina contatti) e riceverai a breve tutte le informazioni richieste.

Comments are closed.