Homepage / Blog / Scrivere un romanzo gotico: 5 suggerimenti per una trama avvincente
Correttore di bozze - Esperta di testi - Traduttrice - Correttore di bozze - Esperta di testi - Traduttrice -

Scrivere un romanzo gotico: 5 suggerimenti per una trama avvincente

Scrivere un romanzo gotico, diversamente da quanto si creda, è difficile come ogni ambito della scrittura creativa, sia per la ricerca di trame nuove e avvincenti sia perché spaventare diventa, col passare degli anni, più difficile. Stimolare il terrore con l’uso della parola non è così semplice come sembra.

 

Da cosa bisogna partire per scrivere un romanzo gotico?

 

scrivere un romanzo gotico

 

Ci sono degli elementi essenziali che devono essere tenuti presenti quando si decide di scrivere un romanzo gotico. Di seguito ne elencherò cinque. I punti cardine da non dimenticare.

 

  1. Realismo
    Può sembrare incongruente, ma la credibilità è fondamentale per creare tensione nel lettore. Affinché la paura possa sembrare reale dobbiamo permettere al lettore di sentirla. Ciò significa descrivere accuratamente le sensazioni fisiche del protagonista, al punto da insinuare il dubbio che quel che stiamo raccontando possa realmente accadere. Quando crolla la barriera di sicurezza della fantasia, la paura ha il sopravvento.

 

  1. Documentazione

In riferimento al primo punto, per dare credibilità alla storia, c’è bisogno di dare spiegazioni valide che rendano la vicenda possibile.

L’orrore non lo troviamo solo nei cimiteri e nelle cripte (altro argomento da non prendere sottogamba dato che a seconda delle culture, del tempo e della simbologia l’ambiente può cambiare), ma possiamo ambientarlo in qualsiasi luogo.

 

  1. Attenzione ai cliché

Come abbiamo detto all’inizio, il gotico è uno dei generi più complessi, proprio perché, come si è visto, bisogna rendere reale la nostra macabra fantasia. Purtroppo la ricerca di elementi nuovi ci fa incorrere in stereotipi che rimanderebbero il nostro lavoro a cose «già viste».

Non serve spaziare troppo per creare qualcosa di inaspettato, basta fare capo alle nostre paure, anche quelle più scontate, come il buio o altri tipi di fobie. Prima di essere scrittori siamo uomini. Basta guardare dentro noi stessi per trovare le ombre più oscure.

 

  1. Lasciatevi catturare

La paura va analizzata, scriverne è un’arte che si migliora costantemente. Per crescere nella scrittura bisogna andare alla ricerca di elementi sempre più veri e, di conseguenza, sempre più spaventosi.

La paura può nascondersi ovunque, e più si desidera conoscerla, più la discesa nel suo mondo si fa tortuosa e insidiosa.

Lasciarsi catturare dalla paura è fondamentale per poterla descrivere, perché solo provandola, la si può imprimere nel cuore del lettore.

Usate un finale a sorpresa e colpi di scena.

 

  1. Nel bene e nel male

Non è detto che la nostra storia racconterà la vicenda di un uomo in fuga da fantasmi o demoni, che cercherà con grandi difficoltà di salvarsi e di scappare dalle loro grinfie. Il lettore si aspetta di sentire, attraverso la nostra storia, quello che il protagonista prova quando è costretto a nascondersi senza emettere fiato. Le possibilità sono molteplici, ma da entrambe le parti lo scrittore parla per il suo personaggio, racconta la sua storia.

 

scrivere un romanzo gotico

 

Alcuni suggerimenti di lettura

 

Quando si decide di scrivere un romanzo gotico, è buona regola leggere autori maestri del genere come Mary Shelley, Edgar Allan Poe, H.P. Lovecraft e scrittori moderni come Anne Rice e Stephen King.

In questa ultima parte, mi piace segnalare dei lavori della narrativa gotica italiana molto interessanti:

P. Baron (a cura di), Storie di fantasmi italiani. Le case morte, 80144 Edizioni, 2018.

Sergio Bissoli, Il paese stregato, Hypnos, 2012.

Sergio Bissoli, Racconti italiani del mistero, Profondo Rosso, 2015.

 

Per avere maggiori dettagli o ricevere gratuitamente un preventivo, contattami (link alla pagina contatti) e riceverai a breve tutte le informazioni richieste.

Comments are closed.