Homepage / Blog / Scrivere un testo scientifico: una guida semplice passo dopo passo
Correttore di bozze - Esperta di testi - Traduttrice - Correttore di bozze - Esperta di testi - Traduttrice -

Scrivere un testo scientifico: una guida semplice passo dopo passo

Scrivere un testo scientifico, sebbene sia un passaggio indispensabile del processo scientifico, è un aspetto spesso trascurato nei corsi di laurea a favore della massimizzazione del tempo di lezione dedicato ai concetti scientifici. Tuttavia, la capacità di comunicare efficacemente i risultati della ricerca è cruciale per il successo nelle scienze. I laureati sono incoraggiati a pubblicare presto e spesso e gli scienziati professionisti sono generalmente valutati dalla quantità di articoli pubblicati e dal numero di citazioni che tali articoli ricevono.

Quindi, insegnare a scrivere un testo scientifico dovrebbe essere parte integrante della didattica di qualsiasi corso di laurea in materie scientifiche.

È quindi importante che gli studenti universitari ricevano una solida base nella scrittura scientifica all'inizio della loro carriera accademica. Al fine di aumentare l'enfasi sulla scrittura efficace in classe, ho ideato una breve guida per scrivere un testo scientifico.

La guida suddivide il processo in parti facilmente assimilabili per scrivere un testo scientifico o un rapporto di laboratorio.

 

 Un'introduzione alla guida

Nonostante la scrittura sia una parte critica del processo scientifico, spesso viene insegnata secondariamente rispetto ai concetti scientifici e diventa un impiccio per gli studenti. Quanti studenti lavorano per settimane in laboratorio o a un progetto di classe, solo per mettere insieme la relazione scritta il giorno prima della scadenza?

Questo si verifica perché ci si concentra quasi esclusivamente sul processo scientifico, trascurando quasi completamente il processo di scrittura scientifica. La scrittura scientifica è spesso un compito difficile e arduo per molti studenti. Segue un formato diverso e si discosta nella struttura da come inizialmente ci è stato insegnato a scrivere, o anche da come attualmente scriviamo per le lezioni di inglese, storia o scienze sociali.

Ciò può rendere pesante il processo di scrittura scientifica, soprattutto se presentato con contenuti nuovi e complessi. Tuttavia, una scrittura efficace può approfondire la comprensione dell'argomento in questione costringendo chi scrive a presentare una storia coerente e logica supportata da ricerche precedenti e nuovi risultati.

La scrittura scientifica generalmente segue un formato specifico con sezioni chiave: un'introduzione a un particolare argomento, un’ipotesi da verificare, una descrizione dei metodi, i risultati chiave e, infine, una discussione che lega questi risultati alla nostra più ampia conoscenza dell'argomento.

Questo formato generale è inerente alla maggior parte della scrittura scientifica e facilita il trasferimento delle informazioni dall'autore al lettore se vengono seguite alcune linee guida.

Qui, presento una breve guida che delinea strategie per un'efficace scrittura scientifica con l'intenzione di diffondere la guida agli studenti universitari per aumentare l'attenzione sul processo di scrittura.

Mentre riconosco che non ci sono regole rigide e veloci quando si tratta di scrittura scientifica, e i più esperti possono scegliere di ignorare i miei suggerimenti, queste linee guida aiuteranno gli studenti universitari a superare le sfide iniziali associate alla scrittura di articoli scientifici.

Indipendentemente dal corso specifico che viene insegnato, questa guida può essere utilizzata come riferimento quando si scrivono articoli scientifici, progetti di ricerca indipendenti e relazioni di laboratorio. Per gli studenti in cerca di consigli più approfonditi, alla fine della guida sono elencate ulteriori risorse.

 

I passaggi precedenti

Il processo di scrittura scientifica può essere un "ultimo passo" scoraggiante e spesso procrastinato nel processo scientifico, che porta a tentativi superficiali di trascrivere sulla carta argomenti e risultati. Tuttavia, la scrittura scientifica non è una fase di ripiego o, peggio, una seccatura necessaria, e dovrebbe iniziare molto prima di redigere il primo schema. La scrittura di successo inizia con la ricerca di come il tuo lavoro si adatta alla letteratura esistente, creando una storia avvincente, determinando come personalizzare al meglio il tuo messaggio per il pubblico.

 

  1. Individua come il tuo lavoro si rapporta alla letteratura esistente

 

È importante decidere in che modo la tua ricerca può essere paragonata ad altri studi nel suo campo, familiarizzando con le ricerche precedenti sull'argomento. Se si sta preparando una relazione di laboratorio, fare riferimento al manuale del laboratorio per informazioni di base.

Per un articolo di ricerca, esegui una ricerca bibliografica approfondita su un motore di ricerca credibile (ad esempio, Web of Science, Google Scholar). Poni le seguenti domande: cosa sappiamo sull'argomento? A quali domande non ci sono ancora risposte? Perché queste informazioni sono importanti?

Ciò ti fornirà una visione critica della struttura e dello stile che altri hanno usato quando hanno scritto sul tema e comunicato idee su questo argomento specifico. Ti preparerà anche a creare con successo una storia avvincente,

 

  1. Fai capire i tuoi lettori (e scrivi per loro)

 

Per scrivere in modo efficace, devi identificare il tuo pubblico e decidere quale storia vuoi che comprendano. Anche se questo può sembrare ovvio, spesso la scrittura scientifica non è come la narrativa, soprattutto perché probabilmente ti è stato insegnato a rimanere spassionato e imparziale mentre comunichi i risultati scientifici. Lo scopo della scrittura scientifica non è spiegare cosa hai fatto o cosa hai imparato, ma piuttosto cosa vuoi che il tuo pubblico comprenda.

Inizia chiedendoti: chi è il mio pubblico? Quali sono i loro obiettivi nel leggere il mio lavoro? Quale messaggio voglio che recepiscano dalla mia scrittura?

Ci sono grandi risorse disponibili per aiutare a rispondere a queste domande. Se sei interessato a pubblicare un articolo scientifico, i siti web delle riviste accademiche forniscono anche chiare informazioni sulla mission delle riviste e linee guida per la presentazione dei potenziali autori.

Gli scrittori di scienza più efficaci hanno una storia chiara che vogliono trasmettere e realizzano efficacemente il loro messaggio per comunicare quella storia al loro pubblico.

 

  1. Introduzione

 

L'introduzione imposta il tono del documento fornendo informazioni di base pertinenti e identificando chiaramente il problema che si prevede di affrontare. Pensa alla tua Introduzione come all'inizio di una canalizzazione: inizia a spalancare la ricerca in un contesto ampio che qualcuno al di fuori del campo possa capire, quindi restringi l'ambito fino a raggiungere la domanda specifica a cui stai cercando di rispondere. Indica chiaramente le più ampie implicazioni del tuo lavoro per il campo di studio o, se pertinente, qualsiasi impatto sociale possa avere e fornisci informazioni di base sufficienti affinché il lettore possa comprendere il tuo argomento. Esegui una scansione completa della letteratura; tuttavia, non inserire tutto ciò che trovi. Le informazioni di base dovrebbero includere solo materiale direttamente pertinente alla tua ricerca e adatto alla tua storia; non hai bisogno di inserire  un'intera storia del campo di interesse. Ricorda di includere citazioni nel testo nel formato Autore, anno pubblicato per ogni documento che citi ed evita di usare il nome dell'autore come oggetto della frase.

Restringendo le informazioni di base presentate per arrivare al focus specifico della tua ricerca, indica chiaramente il problema che affronta il tuo documento. Il problema è anche noto come gap di conoscenza, o un'area specifica della letteratura che contiene una domanda o un problema sconosciuti.

Il gap di conoscenza tende ad essere una piccola parte di un campo di studio molto più ampio. Indica esplicitamente come il tuo lavoro contribuirà a colmare tale lacuna di conoscenza. Questa è una sezione cruciale del tuo elaborato; la tua discussione e conclusione dovrebbero essere tutte mirate a colmare il gap di conoscenza che stai cercando di colmare.

La tua ipotesi seguirà spesso logicamente l'identificazione del gap di conoscenza. Definisci le ipotesi che desideri affrontare, indica l'approccio del tuo esperimento e fornisci una panoramica di 1-2 frasi del tuo disegno sperimentale, lasciando i dettagli specifici per la sezione dei metodi. Se i tuoi metodi sono complicati, considera di spiegare brevemente il ragionamento alla base della tua scelta.

Un'ipotesi è una spiegazione verificabile di un evento osservato in natura, o, più specificamente, perché si sta verificando qualcosa che hai osservato. Le ipotesi si riferiscono direttamente a domande di ricerca, sono scritte al tempo presente e possono essere verificate attraverso l'osservazione o la sperimentazione. Sebbene i termini "ipotesi" e "previsione" siano spesso usati erroneamente in modo intercambiabile, si riferiscono a concetti diversi ma complementari. Un'ipotesi tenta di spiegare il meccanismo alla base di un modello, mentre una previsione afferma un'aspettativa per quanto riguarda i risultati. Sebbene difficili da costruire, le ipotesi forniscono potenti strumenti per strutturare la ricerca, generare previsioni specifiche e progettare esperimenti.

 

4.   Materiali e metodi

 

La sezione probabilmente più semplice da scrivere; puoi persino iniziare a scriverla mentre esegui i tuoi esperimenti per evitare di dimenticare qualsiasi dettaglio del tuo progetto sperimentale. Al fine di rendere il tuo documento il più chiaro possibile, organizza questa sezione in sottosezioni con intestazioni per ogni procedura che descrivi (ad esempio, raccolta sul campo vs. analisi di laboratorio). Ti consiglio di riutilizzare queste intestazioni nei risultati e nella discussione per orientare i tuoi lettori.

Lo scopo della sezione è dimostrare che hai usato metodi scientificamente validi e fornire al lettore informazioni sufficienti per ricreare il tuo esperimento. In ordine cronologico, indica chiaramente i passaggi procedurali intrapresi, ricordando di includere i numeri di modello e le impostazioni specifiche di tutte le apparecchiature utilizzate.

Oltre alla tua procedura sperimentale, descrivi qualsiasi analisi statistica che hai eseguito.

Se hai seguito una procedura sviluppata da un altro documento, cita la fonte da cui proviene e fornisci una descrizione generale del metodo. Non è necessario ribadire ogni dettaglio, a meno che non si sia discostato dalla fonte e non sia stato modificato un passaggio della procedura. Tuttavia, è importante fornire informazioni sufficienti affinché il lettore possa seguire i propri metodi senza fare riferimento alla fonte originale.

Sebbene sia generalmente consigliabile utilizzare la voce attiva in tutto il documento, è possibile utilizzare una combinazione di voce attiva e passiva nella sezione al fine di variare la struttura della frase ed evitare ripetizioni.

 

5.   Risultati

 

La sezione Risultati fornisce uno spazio per presentare i risultati chiave in modo puramente oggettivo e gettare le basi per la sezione Discussione, in cui tali dati vengono interpretati soggettivamente. Prima di immergerti in questa sezione, identifica quali grafici, tabelle e dati sono assolutamente necessari per raccontare la tua storia. Quindi, crea una o due frasi descrittive che riassumano ogni risultato, facendo riferimento ai corrispondenti numeri di tabella e figura. Invece di presentare i dettagli tutti in una volta, scrivi un breve riepilogo per ciascun set di dati. Se hai effettuato uno studio complicato, ti consiglio di dividere i risultati in più sezioni con intestazioni.

 

6.   Discussione e conclusione

 

La sezione Discussione richiede in genere la massima considerazione, in quanto è qui che interpreti i risultati. La tua discussione dovrebbe formare una storia autonoma che unisce le sezioni Introduzione e Risultati. Una potenziale strategia per scrivere la discussione è iniziare affermando esplicitamente i principali risultati della tua ricerca. Ricorda al lettore il gap di conoscenza identificato nell'Introduzione per suscitare curiosità in merito alla domanda a cui hai deciso di rispondere. Quindi, specifica esplicitamente come il tuo esperimento ha spostato il campo in avanti colmando il gap di conoscenza.

Dopo il paragrafo iniziale della discussione, ti suggerisco di rispondere alla tua domanda e alle tue ipotesi con prove specifiche estrapolate dai tuoi risultati. Se ci sono più interpretazioni possibili di un risultato, esponi chiaramente ogni spiegazione concorrente. Presentare e valutare spiegazioni alternative delle tue scoperte fornirà chiare opportunità per future ricerche. Tuttavia, assicurati di mantenere concreta la tua Discussione facendo riferimento ai tuoi risultati per supportare ogni interpretazione data.

 

Consulta la letteratura preesistente e riporta come i tuoi risultati si collegano ai risultati precedenti. Poniti le seguenti domande: come si confrontano i miei risultati con quelli di studi simili? Sono coerenti o incoerenti con ciò che altri ricercatori hanno scoperto? Se sono incoerenti, discutere sul perché questo potrebbe essere il caso. Ad esempio, stai ponendo una domanda simile in un sistema, organismo o sito diverso? C'era una differenza nei metodi o nella progettazione sperimentale? Eventuali avvertenze dello studio (ad es. Piccole dimensioni del campione, errori procedurali o pregiudizi noti nei metodi) devono essere trasparenti e brevemente discussi.

La conclusione, generalmente situata nella sua breve sezione o nell'ultimo paragrafo della discussione, rappresenta la tua ultima opportunità di affermare il significato della tua ricerca. Piuttosto che limitarsi a riaffermare i risultati principali, la conclusione dovrebbe riassumere i risultati del tuo studio in modo da incorporare nuove intuizioni o inquadrare domande interessanti che sono sorte a seguito della tua ricerca.

 

  1. Mettere tutto insieme

 

Indipendentemente dal numero di assi sovrapposte, hai comunque bisogno di chiodi per evitare che la pila si stacchi. La stessa logica si applica a un articolo scientifico. Piccole cose - come il flusso, la struttura, la voce e la scelta delle parole - collegheranno la tua storia, perfezioneranno il tuo lavoro e renderanno piacevole la lettura.

Innanzitutto, un documento deve fluire. Il lettore dovrebbe essere facilmente in grado di spostarsi da un concetto all'altro, all'interno di una frase o tra paragrafi. Per rafforzare il flusso, ricordati costantemente della storia generale; collega sempre nuove domande con risoluzioni e lega nuovi concetti a idee presentate in precedenza. Come regola generale, cerca di mantenere lo stesso argomento in una sezione e mescola la struttura delle frasi per enfatizzare concetti diversi. Tieni presente che le parole o le idee poste verso la fine di una frase spesso trasmettono la massima importanza.

L'uso della voce attiva con frasi occasionali in voce passiva rafforzerà ulteriormente la tua scrittura. La scrittura scientifica è piena di voci passive che indeboliscono frasi altrimenti potenti mettendo a nudo i soggetti dell'azione. Tuttavia, se usata correttamente, la voce passiva può migliorare il flusso posizionando strategicamente il soggetto di una frase in modo che faccia eco all'enfasi della frase precedente.

Infine, la scelta delle parole è fondamentale per una narrazione efficace. Invece di infarcire il tuo rapporto o relazione con parole eccessivamente complicate, usa parole semplici per delineare il quadro dello studio e discutere i risultati. L'eliminazione di qualsiasi effetto ridondante e la scelta delle parole che chiariscono il punto renderanno il tuo lavoro molto più piacevole da leggere.

 

  1. Modifica e peer review

 

Anche se hai finalmente finito di raccogliere dati e scrivere il tuo rapporto, non hai ancora finito! Rileggere il documento e incorporare feedback costruttivi da parte di altri può fare la differenza.

Inizia prendendoti un po 'di tempo lontano dal tuo lavoro. Idealmente, hai iniziato il tuo lavoro abbastanza presto da poterti evitare di guardarlo per un giorno o due. Tuttavia, se la scadenza non è molto ampia, prenditi almeno un'ora di pausa. Torna al tuo documento e verifica che esprima ancora ciò che intendevi dire. Dove sono le lacune nella struttura della tua storia? Cosa non è stato spiegato chiaramente? Dov'è la scrittura difficile, che rende arduo capire il tuo punto? Prendi in considerazione la possibilità di leggerlo prima ad alta voce, quindi stamparne una copia per ispezionare il documento da diverse angolazioni.

La modifica viene eseguita al meglio in più fasi. Al primo passaggio del documento, assicurati di aver affrontato tutte le idee principali dello studio. Un modo per raggiungere questo obiettivo è scrivere i punti chiave che si desidera raggiungere prima di rileggere il documento. Se il documento differisce da questi punti, potrebbe essere necessario eliminare alcuni paragrafi. Al contrario, se hai dimenticato di includere qualcosa, aggiungilo. Per controllare il flusso dei tuoi paragrafi, verifica che un thread comune leghi ciascun paragrafo a quello precedente e, allo stesso modo, che ogni frase all'interno di un paragrafo si basi sulla frase precedente. Infine, rileggi il documento con una lente più fine, modificando la struttura della frase e la scelta delle parole mentre procedi per dare il tocco finale al tuo lavoro. Grammatica e ortografia sono importanti tanto quanto il tuo lavoro scientifico

Dopo aver modificato il tuo documento, chiedi a qualcun altro di leggerlo. Un compagno di classe è l'ideale perché comprende l'incarico e potrebbe scambiare documenti con te. I passaggi di modifica sopra descritti si applicano anche quando si modifica il documento di qualcun altro. Se un compagno di classe non è disponibile, prova a chiedere a un familiare o a un amico. Avere una nuova serie di occhi che esamina il tuo lavoro può aiutarti a identificare sezioni del tuo documento che necessitano di chiarimenti. Questa procedura ti darà anche un'idea del processo di peer review, che è parte integrante della scrittura scientifica professionale.

Non essere scoraggiato dai commenti negativi: l'incorporamento del feedback dei revisori non farà che rafforzare il tuo documento. Le buone critiche sono costruttive.

 

Conclusione

Mentre le basi della scrittura vengono generalmente insegnate nelle prime fasi della vita, molte persone lavorano costantemente per affinare le proprie capacità di scrittura anche durante la propria carriera. Anche gli scienziati professionisti ritengono di poter scrivere in modo sempre più efficace. Concentrarsi sulle strategie per il successo descritte in questa guida non solo migliorerà le tue capacità di scrittura, ma renderà anche il processo di scrittura scientifica più semplice ed efficiente. Tuttavia, tieni presente che non esiste un solo modo corretto di scrivere un testo scientifico e man mano che acquisisci esperienza con la scrittura scientifica, inizierai a trovare la tua voce.

Mi auguro che queste le linee guida faranno nascere articoli scientifici ricchi di informazioni, concisi e chiari, snellendo il processo di scrittura e alleviando contemporaneamente la frustrazione per chi scrive e per chi legge.

Buona fortuna e buona scrittura!

 

Bibliografia

Journal of Young Investigators. 2005. Writing scientific manuscripts: a guide for undergraduates. Journal of Young Investigators, California.

Lanciani, C. A. 1998. Readerfriendly writing in science. Bulletin of the Ecological Society of America 79: 171–172.

Lohman and R. Jue. 2007. A student's guide to writing in the life sciences. The President and Fellows of Harvard University, Massachusetts.

Schimel, J. 2012. Writing science: how to write papers that get cited and proposals that get funded. Oxford University Press, Oxford.

 

Per avere maggiori dettagli o ricevere gratuitamente un preventivo, contattami (link alla pagina contatti) e riceverai a breve tutte le informazioni richieste.

Comments are closed.